Home arrow Lavì: cucinare sulla pietra
Lavì: cucinare sulla pietra
La pietra lavica e’ricavata da antiche colate laviche, risulta assolutamente pura come il vetro di categoria A, con assoluta assenza di piombo. La piastra non emette sostanze nocive.

I cibi cuociono senza l’uso di condimenti. I grassi disciolti durante la cottura vengono posti fuori dal contatto dell’alimento, evitando così la formazione del benzopirene.Non si formano sostanze estranee all’alimento per cui non ne altera i sapori. Non produce fumi anche cuocendo alimenti particolarmente grassi.
La cottura avviene per assorbimento di calore uniforme, pertanto conserva il valore nutritivo e vitaminico dei cibi.
Non richiede l'uso di grassi durante la cottura.

Quando la pietra è ben calda, iniziare la cottura, evitare sbalzi di temperatura, non versare acqua fredda sulla pietra altrimenti si lesionerà di sicuro. Consiglio di usare la pietra lavica sui fornelloni a Gas perchè ha bisogno di molto calore .
Per la pulizia, si consiglia di raschiare con retina di ferro con solo acqua (se calda e’ meglio) , poi una volta riscaldata  ungere su un panno un po’ di aceto e passarla sulla pietra’ finchè il panno resta pulito. Non usare assolutamente detersivi qualunque genere, perché rimarrà impregnato nella pietra. Per il primo utilizzo, pulire bene con una spugna la superficie di cottura e lasciare asciugare,cospargere la pietra di olio extravergine di oliva e lasciare impregnare per 2 ore circa. In questo modo la pietra si assesterà. Successivamente non sarà più necessario ungerla.

Durante questa descrizione abbiamo incontrato il termine benzopirene, ma cosa significa?

I Benzopirene sono idrocarburi della serie aromatica che possono formarsi nella combustione del legname.
Cuocendo alla brace carne, pesce, anche verdure, si formano sostanze cancerogene  come appunto gli idrocarburo aromatici (benzopirene), ma anche amine eterocicliche quest’ultime responsabili di tumori multipli al polmone, fegato, intestino in animali da esperimento. Con temperature molto alte, 800°C, si alterano le componenti organiche dell’alimento e si producono anche alterazioni delle sostanze grasse, con formazione di radicali liberi, notoriamente responsabili di danno e invecchiamento.

USARE SEMPRE LA PIETRA LAVICA PER TUTTO QUELLO CHE SI PUO’ ARROSTIRE, NE GIOVA IL PALATO E LA SALUTE.

FONTE: I SAPORI DEL MEDITERRANEO



produttore: BeP(Ostellato di Ferrara)

 
Pietra Lavica Vesuviana commercializza i prodotti di un insieme integrato di imprese che con dinamicità competono in un mercato in continua evoluzione. Moderno network imprenditoriale, si contraddistingue per gli elevati contenuti tecnologici dei propri processi di ricerca di mercato oltre che per una moderna gestione degli aspetti qualitativi.
La mission è quella di fornire ai privati, aziende, enti pubblici, i prodotti necessari, con particolare attenzione alla compatibilità storica e strutturale, un servizio integrato nell'ambito della manutenzione, ristrutturazione di infrastrutture edilizie complesse con una proposta organica che comprende consulenza, progettazione e formazione.
Dall'edilizia di qualità alla declinazione nell'arredamento, la pietra lavica è lavorata in tutte le sue forme e per ogni tipo di impiego. La conoscenza della materia e l'esperienza maturata negli anni costituiscono fondamento per ampliare l'offerta grazie ad un servizio di progettazione, realizzazione e posa in opera.

banner OV   banner VED   banner Panariello

Office del Vesuvio di Pasquale Ammendola | Via Cola 12, 80042 Boscotrecase (NA) | Codice attività n°477899 | P.IVA 06701071216 | Tel: 3477440798
© 2017 Pietra Lavica Vesuviana
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.